domenica 26 febbraio 2017

Second chances

Autrice: Sarah Price
Sottotitolo: An Amish retelling of Jane Austen's Persuasion (The Amish Classics Book three)
Lingua: inglese
Genere: retelling / clean romance
Prima pubblicazione: giugno 2015

---

Second chances è il retelling in salsa Amish di Persuasione di Jane Austen. E' il romanzo che aspettavo di più tra tutti quelli scritti da Sarah Price, e forse proprio per questo motivo si è rivelato anche il più deludente. Leggendo, ho avuto la sensazione che fosse molto meno curato rispetto agli altri, scritto con meno attenzione.
Peccato, perché avevo trovato i romanzi precedenti molto interessanti e abbastanza appassionanti. Ma questo, dopo mesi dalla lettura, non mi ha lasciato nulla.


Protagonista è Anna, una ragazza che già a venticinque anni è considerata oramai senza speranze matrimoniali nel villaggio Amish di Holmes County in Ohio, dove vive con il padre e le sorelle dopo la prematura morte della madre.
Come la Anne del romanzo originale, anche Anna vive il grande dolore di aver rinunciato all'amore della sua vita e, probabilmente, ad ogni speranza di felicità, per assecondare la volontà del genitore e i consigli dell'amica di famiglia Lydia.
Il padre, una volta vedovo, si è dimostrato incapace di gestire la famiglia, sia emotivamente che economicamente, e si ritrova a dover chiedere soldi alla comunità per appianare i suoi debiti, proprio lo stesso motivo per il quale, otto anni prima, si era opposto al matrimonio della secondogenita con Freman Whittmore. Un contrappasso piuttosto azzeccato.
Il protagonista, dopo essersi trasferito a Lancaster County e poi in Indiana, torna in Ohio ormai ricco e in cerca di una moglie.
Il suo riavvicinamento ad Anna è graduale, così come il cambiamento della ragazza, che impara finalmente a preoccuparsi della sua vita e della sua felicità, piuttosto che dei bisogni dei suoi egoisti parenti.


L'ambientazione in un villaggio Amish è piuttosto adatta a questa storia, in quanto in tale cultura una ragazza dell'età di Anna - solo venticinque anni - quasi sicuramente non sarà mai né una moglie né una madre, ma di sicuro un peso in futuro per la sua famiglia, che si aspetta una sorta di "servaggio" silenzioso da parte sua.
Ammetto che leggere questo tipo di romanzi chiarisce molto come si viva all'interno di quelle comunità, e, almeno per quel che mi riguarda, contribuisce ad annullare del tutto l'equazione vita Amish = paradiso terrestre o giù di lì.
Ritornando al romanzo, ho trovato carino l'accenno ai "Bennet" del villaggio di Lancaster in Pennsylvania; l'autrice è stata brava nel delineare l'insensibilità di Lydia in poche battute, così come la solitudine e il mancato senso di appartenenza di Anna verso la sua casa, mentre mi sarebbe piaciuto poter "sbirciare" nella nuova residenza del padre e della sorella - il corrispettivo di Bath del romanzo originale -.

---

Trama: At twenty-five years of age, Anna Eicher has never married. When she was seventeen, her parents convinced her to break off her courtship with Freman Whittmore, the youngest son in the Whittmore family and her best friend. Afterward, a distraught Freman moved away from Lancaster County.
 Eight years later Freman has returned to visit his sister, who is renting the Eichers’ house for the winter. Now the owner of the largest dairy farm in his church district, Freman has neither married—nor forgiven Anna.
 Although he begins courting someone else, Anna hopes to convince him that she has never stopped loving him. Will Freman be persuaded to forgive Anna and open his heart again?

---

Giudizio personale: 3/5

---

Della stessa serie:
- First impressions
- The matchmaker
- Mount Hope

2 commenti:

Sophia Rose ha detto...

Ah, bummer! Sorry this one wasn't as good as others were for you. I've read two of Sarah Price's Amish retellings and liked them. I will get to this one eventually. I do think it's fun to see the stories set in the Amish community.

Nice review, Carmen!

Carmen C. ha detto...

@Sophia: Hi, Sophia! Yes, it is a pity, I liked the other novels by Sarah Price, but this wasn't a great book for me... I'm sorry because Persuasion is my favorite novel...