martedì 13 settembre 2011

Orgoglio e pregiudizio - Citazioni

" E' verità universalmente riconosciuta che uno scapolo largamente provvisto di beni di fortuna debba sentire il bisogno di ammogliarsi.
Per quanto poco si conoscano, di costui, i sentimenti e le intenzioni, fin dal suo primo apparire nelle vicinanze, questa verità si trova così radicata nelle teste delle famiglie circostanti che queste lo considerano senz'altro come la legittima proprietà dell'una o l'altra delle loro figliuole".


--


" Se io volessi giudicare malamente i figli di qualcuno, non sarebbero mai i miei ".
(La signora Bennet al signor Bennet)

--


" La felicità nel matrimonio è tutta questione di fortuna ".
(Charlotte Lucas a Elizabeth Bennet)

--


" Ti sta davanti, Elizabeth, una brutta alternativa. Da oggi in poi diventi un'estranea per uno dei tuoi genitori; se non sposi il signor Collins, tua madre non ti vuol più vedere, e se lo sposi, sono io che non ti vorrò vedere più ".
(Il signor Bennet alla figlia Elizabeth)

--


" Più conosco il mondo, più ne sono scontenta... ".
(Elizabeth Bennet alla sorella Jane)

--


" Non devi, per amore di una persona sola, cambiare il significato universale delle cose... ".
(Elizabeth a Jane)

--


" Vi sono abbastanza ufficiali per far rimaner male tutte le ragazze del paese ".
(Il signor Bennet a Elizabeth)

-- 


" Sono ancora troppo inesperte delle cose di questo mondo e non sono ancora arrivate alla umiliante convinzione che i bei giovani devono avere di che vivere come i brutti ".
(Elizabeth alla zia Gardiner)

--


" Li stette a sentire su per giù con lo stesso piacere con cui ascoltava il rumore della carrozza ".


--


" Più si cerca d'intimidirmi e più ho coraggio ".
(Elizabeth al signor Darcy)

--


" Le mie dita [...] non corrono sulla tastiera con la maestria che hanno molte, non hanno quella forza e agilità e non rendono lo stesso effetto, ma ho sempre immaginato che fosse per colpa mia, perchè non mi sono data la pena di studiare. Non è che creda le mie dita incapaci di un'esecuzione migliore ".
(Elizabeth a Darcy)


--


" Ho lottato invano. Non ci riesco. Non posso reprimere il mio sentimento. Deve permettermi di dirle con quanta passione la ammiro e la amo ".
(Darcy a Elizabeth)

--


" -E' una pura fortuna- pensava -che mi resti qualcosa da  desiderare-".
(Elizabeth)

--


" I suoi pensieri erano tutti tesi a quel punto di casa Pemberley, qualunque fosse, dove in quel momento doveva essere il signor Darcy ".


--


" Si aspettava da un momento all'altro di veder entrare alcuni dei signori e tra questi desiderava e temeva che fosse il padrone di casa, senza riuscire a definire se fosse maggiore il desiderio o il timore  ".


--


" ...mai aveva sentito così chiaramente di poterlo amare, come ora che tutto l'amore era vano ".


--


" Conficcato in lei il più acuto dei tormenti, il rimorso... ".


--


" Ci sarà sempre tempo per sperare qualche cosa ".
(Elizabeth)

--


" Eccoli confinati, per tutta la sera, a due tavolini diversi, senza altra speranza che quella che gli occhi di lui si rivolgessero nella sua direzione con tanta frequenza da farlo perdere al gioco quanto perdeva essa ".


--


" ...del passato interessa solo quello che, a rammentarlo, dà piacere".
(Elizabeth)






2 commenti:

Loren Dushku ha detto...

Come mai sul tuo blog non c'è ancora una recensione del libro???

Carmen ha detto...

@Loren: Perché voglio rileggerlo... stay tuned! :)