venerdì 4 aprile 2014

Dearly beloved

Autore: Lewis Whelchel

---

[attenzione: SPOILER]

Dearly beloved è una variation del famoso romanzo di Jane Austen Orgoglio e Pregiudizio, in cui, purtroppo, la cara Jane non supera la malattia provocatale dall'andare a cavallo, sotto la pioggia, da Longbourn a Netherfield. Mi è sembrata, questa, una scelta coraggiosa - che mi ha anche indotto a leggere il libro - perché Jane, oltre ad essere un personaggio piuttosto importante nella storia, è anche uno dei più buoni, o probabilmente il più buono che si possa ritrovare in letteratura.
Le scene che riguardano i giorni precedenti alla sua morte sono davvero strazianti ed emozionanti, ma, dopo la dipartita della maggiore delle Bennet, comincia una serie di eventi che mi hanno fatto un po' storcere il naso.
Innanzitutto, Mrs Bennet incolpa Elizabeth della morte della sorella, e la bandisce da casa. Neppure il signor Bennet può nulla contro la decisione della moglie, e per il proprio carattere, e perché minacciato dalla consorte, che gli fa temere uno scandalo che rovinerebbe irrimediabilmente le figlie più piccole.
Ora, è plausibile, anzi, certo, che Mrs Bennet avrebbe incolpato chiunque altro della morte di Jane fuorché se stessa, ma non credo che avrebbe mai e poi mai cacciato di casa Elizabeth. E' un personaggio che ama profondamente le sue figlie - e le sue azioni e i suoi comportamenti nel romanzo originale sono in gran parte "giustificati" dalla preoccupazione per l'avvenire delle ragazze -, e non avrebbe perso Lizzy dopo aver perduto irrimediabilmente Jane. Così come non si sarebbe recata a Pemberley da sola - azione già di per sé improbabile - per insultare la figlia e Georgiana, e per tentare di convincere Mr Darcy a non sposare Lizzy, a suo dire non meritevole di tale unione.
Mi è parso anche un po' esagerato l'episodio in cui Elizabeth cade in una sorta di stato catatonico, espediente affinché Mr Darcy le confessi il suo amore, a torto convinto che lei non possa sentirlo.
Troppo lunghe anche alcune scene tra i due, come quella in chiesa, mentre l'amore tra Georgiana e Bingley pare a tratti forzato e voluto dai due, più che sentito, anche se mi è piaciuta la differenza tra il sentimento che unisce Lizzy e Darcy, più passionale, e quello tra Georgiana e Bingley, più delicato.
Il romanzo, però, presenta anche degli aspetti positivi: è una bella novità che Lizzy vada a vivere a Pemberley e che la sua fiducia in Darcy cresca di giorno in giorno, e mi è piaciuto anche il personaggio di Georgiana, che ho trovato veramente adorabile.
Piuttosto improbabile, invece, il ruolo di "matchmaker" di Mr Bennet, e il fatto che molto spesso sia Elizabeth, nella coppia, a fare il primo passo.
Come accade in molte altre variation, Mary sposa Mr Collins, che ama e da cui è riamata, cosa che mi fa sempre piacere.
Grande assente Lady Catherine, zia di un Mr Darcy che sì, mette in campo tutte le proprie risorse affinché Wickham sposi Lydia ed Elizabeth non sia investita dallo scandalo, ma che neppure per un attimo viene sfiorato dall'idea che l'unione che tanto desidera, possa portare disonore alla sua famiglia a causa della posizione sociale della futura moglie.
Tutto sommato, Dearly beloved si è comunque rivelato una lettura piacevole, che ha fatto rivivere per qualche pomeriggio i sempre amati personaggi di Orgoglio e Pregiudizio.

---

Trama: Dearly Beloved – inspired by the characters in Jane Austen’s “Pride and Prejudice”

Sometimes people do “die of little trifling colds,” and a tragedy at Netherfield destroys the harmony between Elizabeth Bennet and her family. As she begins her mourning under the protection of Mr. Bingley and struggles to heal from the pain of losing her beloved sister Jane, Elizabeth discovers a new source of hope in Mr. Darcy. His pride is overcome by her vulnerability, and his eyes are opened to her endearing qualities. Can he console her during the year of mourning and win her love and hand at the end of it? Will Charles Bingley, whose heart is broken, ever find love again?


Dearly Beloved - Ispirato ai personaggi di "Orgoglio e Pregiudizio" di Jane Austen

A volte le persone muoiono per un "piccolo, irrilevante raffreddore", e la tragedia a Netherfield distrugge l'armonia tra Elizabeth Bennet e la sua famiglia. Mentre comincia il suo lutto sotto la protezione di Mr Bingley e combatte per guarire dal dolore della perdita della sua amata sorella Jane, Elizabeth scopre una nuova fonte di speranza in Mr Darcy. L'orgoglio di lui è sopraffatto dalla vulnerabilità di lei, e i suoi occhi sono aperti alle tenere qualità della giovane.
Può lui consolarla durante l'anno di lutto e conquistare il suo amore e la sua mano alla fine di esso? Charles Bingley, il cui cuore è spezzato, troverà mai di nuovo l'amore?

---

Giudizio personale: 3/5

0 commenti: