sabato 25 settembre 2010

La marcia di Radetzky - Citazioni


" La malattia non era altro che un tentativo della natura di assuefare l'uomo alla morte ".

--

" Vedeva il mondo tramontare, ed era il suo mondo ".

--

" I morti! Non posso dimenticare i morti! [...] io non posso dimenticare nulla di nulla ".

--

" ... tanto era il suo amore per la gente quanta la sua disistima ".

--

" Ogni mattina aspettava, [...], e sapeva al tempo stesso che aspettava invano ".

--

" Fu solo un istante. Ma in quell'istante [...] udì, vide e odorò tutto ciò che nel mondo viveva... ".

--

" Si accostò ancora una volta alla finestra come ci si accosta a una riva ".

--

" ... erano indifferenti per natura a tutto ciò che accadeva nel mondo e, per così dire,
paralizzati per innata signorilità ".

--

" ... le nubi pesanti che il fulmine aveva squarciato precipitavano schiumanti di pioggia con giubilante fragore ... ".

--

" Che importava [...] delle centinaia di migliaia di nuovi morti che nel frattempo avevano seguito suo figlio? Che gli importava [...]? E che gli importava del crollo del mondo [...]? Suo figlio era morto. Il suo lavoro compiuto. Il suo mondo crollato ".

--

" Anche in occhi stralunati si può guardare! Importante è che siano gli occhi di mio figlio ".



0 commenti: