mercoledì 22 ottobre 2014

Deadly Heat

Autore: Richard Castle
Probabili ghost writers: Andrew Marlowe e Tom Straw
Titolo originale: Deadly Heat
Volume: 5

---

Deadly Heat - quinto volume della serie di Nikki Heat - continua la storia terminata con un cliffhanger nel precedente Frozen Heat. In esso, la detective newyorkese si imbatte in un misterioso codice lasciato dalla madre, il cui assassinio non è ancora stato risolto.
In questo nuovo capitolo del ciclo, quindi, Nikki si ritrova a dover scegliere se fidarsi o meno del compagno Jameson Rook, confidandogli il ritrovamento del nuovo, e probabilmente definitivo, indizio riguardante l'omicidio della madre.
E questo è proprio uno degli aspetti che mi sono piaciuti di più del romanzo, l'ulteriore apertura di Nikki, l'ulteriore passo avanti nella sua storia con Rook.
Ad ogni modo, proprio a causa della trama principale, il libro è questa volta per lo più incentrato sul personaggio della detective. Jameson viene così lasciato un po' in ombra, e le sue battute spiritose scarseggiano rispetto al solito.
In particolare, è stato divertente leggere di un Nikki gelosa di Rook, senza che ciò provocasse grossi scossoni alla loro storia. In questo, i romanzi sono molto vicini alla serie tv, in cui, grazie al dialogo, i due protagonisti riescono a far funzionare la loro relazione. La sceneggiatura evita così dei banali e prevedibili tira e molla tra i due.
I riferimenti alla serie tv Castle quindi, anche questa volta sono innumerevoli, e di sicuro il fatto che Yardley Bell fosse chiaramente il corrispettivo cartaceo della Sophia di Pandora e Linchpin mi ha portato fuori strada nell'individuazione del big bad. Big bad che mi ha in realtà deluso: troppo repentino il suo smascheramento e troppo veloce la sua cattura, a fronte dell'importanza rivestita dal "Drago" nella serie tv.
L'omicidio di Cynthia Heat viene quindi risolto in questo capitolo della serie, così come viene risolto quello di Joanna Beckett nella sesta stagione della show, nel bell'episodio "Veritas" (6x22).
Sono contenta che abbia trovato una conclusione anche la storyline - se così possiamo chiamarla - della detective Hinesburg, che cominciava davvero a stancarmi.
Per quanto riguarda l'indagine che viene portata avanti parallelamente alla trama orizzontale, la storia del serial killer che Nikki si trova a fronteggiare è classica: vittime collegate in un certo modo tra loro; "souvenir" dell'assassino sul luogo del delitto; la protagonista come ultima vittima designata. Riesce comunque ad essere gradevole e non annoiare.
E mi fa piacere che la detective Heat non abbia peccato di stupidità, come accade spesso in storie del genere, in cui uno dei personaggi abbocca del tutto (come se non avesse un solo neurone) a quella che è palesemente una trappola del cattivo di turno.

Alcuni riferimenti alla serie tv:
- il serial killer del romanzo richiama chiaramente Scott Dunn, l'assassino seriale della seconda stagione dello show (2x17-2x18);
- il ritrovamento di un cadavere in un forno per pizze richiama l'episodio 3x20 "Slice of death" (probabilmente quello più citato nei romanzi);
- l'hashtag #belloevirile con cui Rook posta la sua foto con le fan su Twitter, è la traduzione italiana di #ruggedlyhandsome, termini con cui lo scrittore si definisce in molti episodi, e per la prima volta in "Always by retail", 1x06;
- Nikki trova u messaggio in codice scritto dalla madre, così come succede come succede a Kate - e a Castle - nell'episodio "Veritas", 6x22. Nello show, tuttavia, l'evento non ha ancora avuto un seguito, né si è mostrato indispensabile per la cattura del mandante dell'omicidio;
- il killer scrive il nome "NIKKI" su una tazza di cartone, come Dunn compone la frase "Nikki will burn" con delle incisioni sui proiettili che usa per uccidere le sue vittime;
- nell'ascensore del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale, Nikki e Rook ricevono un trattamento simile a quello ricevuto dai loro altre ego televisivi in "Pandora" (4x15);
- come su scritto, l'agente Yardley Bell e il suo rapporto con lo scrittore, richiamano il personaggio di Sophia di "Pandora" e "Linchpin" (4x15-4x16);
- gli agenti del Dipartimento per la Sicurezza che invitano Nikki ad unirsi a loro, richiamano l'offerta di lavoro ricevuta da Kate da parte dell'FBI (5x24);
- la redazione della WHNY News sembra ricalcare quella di "Cloudy With a Chance of Murder" (5x02);
- alla redazione, Rook ha la stessa reazione di Castle davanti allo schermo LED ;
- la bionda presentatrice della WHNY News, si comporta con Nikki così come fa il suo alter ego bruno e prorompente con Castle nella 5x02...
- ... mentre il direttore del telegiornale parla ai due protagonisti così come fa il suo omologo televisivo nel medesimo episodio;
- Rook vuole spiegare a Nikki cosa significa chateau in francese;
- il killer lascia come indizio una piccola sezione della fotocopia di un dipinto a olio, così come succede con il cecchino di "Kill shot" (4x09);
- Rook investiga su "un sito dedicato ai linguaggi meticci di una serie televisiva intitolata Firefly";
- rispunta il giubbotto antiproiettile con la scritta "Giornalista";
- la persona responsabile dell'omicidio della madre di Heat viene chiamata "Il Drago", come accade nella serie tv;
- l'agente di Rook organizza un incontro con dei produttori della "Castle Rock" per fare un film dai servizi sulla detective Heat;
- ... per il quale "Nathan sarebbe perfetto per la parte";
- il presunto attacco bioterroristico che Salena Kaye avrebbe dovuto condurre a bordo di un furgone, mi ha ricordato l'evento simile occorso nell'episodio "Countdown" (3x17);
- i due protagonisti vengono esaminati alla ricerca di materiale radioattivo come in "Setup" (3x16);
- i pastori georgiani di Nikoladze, cani da esposizione, ricordano l'episodio "An embarrassment of bitches" (4x13);
- compare un agente Slaughter (4x21, "Headhunters") che sembra davvero poco sveglio;
- Rook ha "quel posto negli Hamptons";
- il carro rosso della Boz Brigade si trova "al castello";
- il combattimento tra Heat e Callan in palestra ricorda quello tra Beckett e Demming in "Overkill" (2x23).

La dedica e i ringraziamenti:
la dedica apposta a questo volume mi è piaciuta molto. Essa recita:
"A KB: 
Perché la danza non finisca 
e la musica non si fermi mai" 
e si riferisce ai dubbi che, nella 5x24, "Watershed", Kate esprime riguardo alla sua relazione con Castle, temendo, appunto, che prima o poi "la danza finisca e la musica si fermi".
I ringraziamenti, invece, mi sono sembrati meno calorosi rispetto ai precedenti. L'autore approfitta del fenomeno del Manhattanenge per paragonare Kate e poi tutti gli attori dello show a delle stelle, mentre Teri Edda Miller è l'aurora boreale che ha il suo "cuore tra le mani", Tom rappresenta "la bussola" ed Andrew "la stella polare" che illumina la via.

---

Trama: Quinto capitolo della serie di Richard Castle, "Deadly Heat" prosegue il racconto della detective più conturbante dei nostri tempi e del suo irresistibile compagno di inchieste. Prendendo avvio dalla conclusione di "Frozen Heat" ritroviamo la detective Nikki Heat all'inseguimento dell'imprendibile ex agente della CIA che aveva ordinato l'uccisione di sua madre dieci anni prima. Nella caccia Nikki è ancora una volta affiancata dal suo compagno di lavoro, il giornalista premio Pulitzer Jameson Rook, e la loro ricerca della vecchia spia e dei motivi dj quell'omicidio svelano un intrigo terroristico che non riguarda affatto una storia passata. È una faccenda molto pericolosa e sta accadendo adesso. E il piano è già entrato nella fase di escalation finale. A complicare la missione di Heat, consegnare alla giustizia la spia corrotta e sventare l'incombente minaccia terroristica, si presenta un serial killer che minaccia il Ventesimo distretto di Polizia. La squadra Omicidi di cui Heat è a capo è così impegnata a fermare l'uomo, e deve far presto. Il terribile assassino, conosciuto per la sua inquietante capacità di rimanere in incognito, non solo ha scelto Nikki come unica destinataria dei suoi messaggi provocatori, ma ha anche svelato il nome della sua prossima vittima: Heat.

---

Giudizio personale: 5/5

---

Volumi precedenti:
- Heat Wave
- Naked heat
- Heat rises
- Frozen Heat

0 commenti: