giovedì 7 luglio 2011

Un indovino mi disse - Citazioni


" L'acqua che ha ancora da passare è il domani, ma c'è già, a monte; quella che è scivolata via è l'ieri, ma c'è ancora, altrove, a valle ".

--

" ...come se ognuno, cosciente della relatività di ciò che ha attorno, volesse mantenere la speranza che l'assoluto è altrove ".

--

" La tua mente non è mai calma... tutto il tempo pensi a qualcosa... il che non è bene ".

--

" Non c'è dubbio che sono figlio di mia madre. [...]. Eppure è altrettanto vero che, alla famiglia in cui sono cresciuto, non sono mai appartenuto, [...] non ho sentito mai alcuna affinità, come se davvero fossi stato messo lì per caso ".

--

" ...i fatti non registrati non esistono ".

--

" O abbiamo tutti, per una qualche innaturale deformazione, perso l'istinto per quel che la vita dovrebbe essere, e cioè soprattutto un'occasione di felicità? ".

--

" -Ma non hai paura?-
-No, perché ho Dio- ".

--

" Ero felice. Ero solo e trovavo la solitudine una magnifica compagna ".

--

" ...il fatto che uno ha degli obblighi, che deve organizzare qualcosa fa sì che le emozioni vengano messe da parte, controllate ".

--

" Il dolore di aver perso una persona cara sarebbe insopportabile se uno non avesse da pensare al funerale, a come vestirsi, a quale musica far suonare ".

--

" ...se quella era la prova che tutto era scritto, la vita allora non aveva più alcun senso! ".

--

" L'aver messo la scienza su un piedistallo ha fatto sì che tutto ciò che non è scientifico ci appaia ridicolo e spregevole ".

--

" ...mi ero reso conto di come l'essere lontano mi faceva sentire a casa ".

--

" Tutto quel che prima mi era parso poetico e interessante d'un tratto mi parve assurdo, stupido, umiliante ".

--

" Mi alzavo la mattina e mi pareva d'avere sulle spalle il fardello del mondo... ".

--

" Tutti corrono, ma verso dove? Perché? ".

--

" ...io volevo riportare tutti indietro nella storia a ricercare il punto in cui avevamo imboccato la strada sbagliata ".

--

" ...ero già preso dalla solita gioia di mettermi in cammino, dal sempre rinnovato senso di sollievo che mi prende a sapere che nessuno mi potrà raggiungere... ".

--

" ...quel peso sordo che noi occidentali, invece, ci portiamo sempre dietro e che è in fondo la colla della nostra civiltà: il senso di colpa ".



0 commenti: