giovedì 10 ottobre 2013

1Q84 - Libri 1 e 2 - Citazioni

" Tu lo sai [...] qual è la più grossa differenza tra talento e intuito? [...] E' che per quanto uno possa essere dotato di talento, non è affatto sicuro che avrà da mangiare a sufficienza, mentre uno che possiede intuito non avrà mai problemi a pagarsi il pranzo. "

--

" Che lui non sembri qualcosa in particolare non è affatto un cattivo segno. Vuol dire che non è ancora incasellato in un ruolo. "

--

" Non se la sentiva di fare nulla. L'unica soluzione era rimanere lì, a guardare in alto. Non che lassù ci fosse nulla di interessante, ma pazienza. I soffitti non erano costruiti per intrattenere le persone. "

--

" Perciò, ogni volta che guardava il padre, non riusciva assolutamente a credere che i geni di quell'uomo così gretto e privo di cultura costituissero almeno metà del suo essere. "

--

" In ogni caso il posto al quale appartengo non è questo. [...] Sono stato rinchiuso per errore nella gabbia sbagliata. "

--

" Amare qualcuno dal profondo del cuore è comunque una grande consolazione. Anche se si è soli e non si riesce a stare con quella persona."

--

" No, la morte non mi fa particolarmente paura. Mi fa più paura vivere con il peso di essere me stessa. "

--

" E questo ti preoccupa. Pensi che se la pistola appare in scena, sicuramente farà fuoco. "

--

" Non voglio soldi. A far girare il mondo, più che i soldi, sono i debiti e i crediti. Poiché odio essere in debito, preferisco acquistare crediti."

--

" Lui non è qui. Ma un corpo che non si può vedere non è soggetto a decadenza, e le promesse che non sono state scambiate non possono essere infrante. "

--

" ... la sua casa sembrò infinitamente misera. Come una prigione che si chiude a chiave solo dall'interno. "

--

" Il mondo era il mondo e, per quanto lo riguardava, poteva pure andare avanti come voleva. Tanto, se fosse stato necessario, qualcuno si sarebbe fatto sentire. "

--

" Il paesaggio fuori dalla finestra suggeriva che il mondo era formato da un accumularsi di microcosmi, dotato ciascuno di una propria forma, che occupavano posizioni intermedie su una scala di valori che andavano dalla 'tragedia' alla 'mancanza di gioia'. "

--

" ... guardavano davanti a loro con espressione tesa senza rivolgersi la parola. Probabilmente non avevano nulla da dirsi. O forse erano in silenzio proprio perché si erano detti qualcosa. "

---

Qui la scheda del libro



0 commenti: