domenica 30 maggio 2010

Ninfa plebea

Autore: Domenico Rea

---

Che dire... questo libro mi ha lasciata perplessa...
è ambientato prima della seconda guerra mondiale, nel paese di Nofi.
Lì la gente è semplice, vive in case piccole ma ben tenute, nei giorni di festa esce a fare passeggiate.
Sembra un idillio, ma in realtà non lo è.
La forte repressione sessuale rende gli esseri umani simili ad animali in cattività, pronti a bere il primo sorso d'aria libera che viene loro concesso.
Tutti toccano - e si fanno toccare da- tutti, ragazzine, donne anziane, preti, soldati, ricchi signori...
La scrittura è ineccepibile, la storia prende, le ambientazioni sono particolareggiate, e, per una volta, viene da pensare: "Che bello essere nati di questi tempi! ".

---

Retrocopertina: La sua testa andava dalla rana al rano, dalla vacca al toro, e da sua madre a Di; pervenendo alla conclusione che era tutto così fra uomini e fra animali; che, forse, quella cosa era il motore della vita.

---

Giudizio personale: 4/5


0 commenti: